Come vengono gestiti i rifiuti plastici nel mondo

Nel seguente articolo andiamo ad analizzare nel dettaglio come avviene lo smaltimento dei rifiuti plastici nel mondo.

In particolare, andiamo a prendere come riferimento l’intervallo temporale che va dal 2000 al 2019per capire come è stato gestito il flusso di plastica proveniente dalle case e dalle imprese e se ci sono stati dei miglioramenti.

In generale, i rifiuti, una volta collettati e separati, prendono una delle tre vie: avviati al processo di riciclo, recuperati energeticamente, condotti in discarica. Pertanto, nel seguente articolo faremo una distinzione dei tre flussi.

Prima di addentrarci nell’argomento, se vuoi sapere quali sono le tipologie di plastica più usate in Europa, quali sono i codici di riferimento per distinguere le varie plastiche, come vengono smaltiti i rifiuti plastici in Italia oppure quante volte può essere riciclata ogni tipologia di plastica, all’interno di questa sezione troverai quello che ti serve per avere una comprensione olistica sull’argomento.

Fatte queste considerazioni procediamo con l’argomento. 

Dati complessivi sulla gestione dei rifiuti plastici dal 2000 al 2019

Relativamente allo smaltimento dei rifiuti plastici vogliamo portarvi due differenti studi.

World Population Review

Secondo il World Population Review, dal 1950, sono stati creati oltre 8 miliardi di tonnellate di rifiuti plastici.
Di questi:

  • Più del 50% sono finiti direttamente nelle discariche o dispersi nell’ambiente
  • Poco meno del 9% è stato riciclato
  • La restante parte è stata recuperata energeticamente

OCSE

Secondo l’OCSE, che prende in considerazione solo i 38 Paesi aderenti, si stima che 

  • Il 15% dei rifiuti plastici viene riciclato
  • Il 25% viene avviato a recupero energetico
  • Il 60% finisce in discarica, abbandonato o bruciato all’aperto

Smaltimento della plastica nel mondo

In merito alle stime fatte, entrambi gli studi hanno individuato come le principali cause:

  • La scarsa qualità della plastica riciclata
  • La mancanza di politiche che ne incentivino il riciclo
  • I prezzi della materia prima ancora troppo bassi per competere con la materia prima seconda (ossia il materiale riciclato)
  • L’inefficienza, soprattutto nei Paesi in via di Sviluppo, nella logistica che va dalla raccolta dei rifiuti plastici nei centri abitati e nelle aziende, fino allo smistamento e il recupero delle differenti tipoogie di plastica

Va sottolineato però che le percentuali di riciclo, recupero energetico e smaltimento in discarica  variano molto da nazione a nazione. Per il riciclo della plastica ad esempio, si va dal 32% in media in Europa, al 10% stimato negli Stati Uniti.


Tra i polimeri utilizzati, le tipologie di plastiche più riciclate sono il PET e l’HDPE. Queste tipologie di polimeri, nei vari Paesi oggetto di studio, hanno un tasso di riciclo che va dal 19% all’85%.


Mentre, il Polipropilene e il Polistirolo sono tipologie di polimeri che attualmente hanno fatto registrate un tasso di riciclo che va dall’1% al 21%.


Chi siamo

Noi di React abbiamo un obiettitvo: dimostrare che gran parte di quello che chiamiamo rifiuto ha un valore intrinseco di gran lunga superiore di quello che pensiamo. Soprattutto i rifiuti plastici che gettiamo in discarica o disperdiamo in ambiente.

In questo senso, progettiamo e realizziamo accessori e complementi di arredo customizzabili e personalizzabili dando nuova vita ai rifiuti plastici. 

Per conoscere meglio la nostra realtà, dai un’occhiata al nostro sito!

Seguici sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello
Scroll to Top